Palasport di Carugate imbattuto: Mapp Tools batte Fassi 70-53 e si porta in zona playoff

 

Due derby vinti su due. Tre partite su tre vinte in casa. Cento per cento Mapp Tools Blackiron Carugate. Missione compiuta anche contro Fassi Albino: le ragazze allenate da coach Luigi Cesari mantengono l’imbattibilità casalinga aggiudicandosi il match valido per la sesta giornata di campionato con il punteggio di 70-53.

Decisivo l’ultimo quarto

Decisivo l’ultimo quarto dopo trenta minuti di sostanziale equilibrio ma con l’inerzia sempre in mano a Carugate, se si esclude il finale di primo quarto in cui Albino piazzava un controbreak 2-11 che le permetteva di chiudere il mini periodo avanti di due, dopo una partenza razzo di Colombo e compagne nei primi tre minuti di gioco con tanto di parziale 8-0.

“Guardo più i 53 punti subiti che i 70 segnati”

“Forse i 180 secondi migliori che abbiamo mai giocato dall’inizio del campionato -ha detto nel dopo gara coach Cesari. Poi loro si sono riportate in partita, ma c’era da aspettarselo. Non guardo tanto ai 70 punti segnati ma ai 53 subiti. Noi vinciamo difendendo e correndo. Abbiamo preparato bene la partita, ci hanno messo in difficoltà con la zona ma ne siamo venute fuori. La squadra c’è ma non è una novità e considerato il nostro precampionato e gli infortuni, siamo molto soddisfatti”.


Sara Canova (foto: Simone Mallardo)

Canova migliore in campo

Miglior marcatrice della partita ed Mvp Sara Canova, per lei 24 punti, 4-6 dall’arco e 24 di valutazione. Ottima come sempre anche la prestazione di Veronica Schieppati, 10 punti, 9 rimbalzi, 2 stoppate, 4 recuperi e 25 di valutazione complessiva. “Grande prova, era una partita che sentivamo e cha abbiamo preparato bene durante la settimana. Ho fatto 4 su 6 da tre? Non lo sapevo, sì, direi che è una buona percentuale” ha detto Canova a fine gara.

Primo quarto diviso in due

Il 1Q, come accennato, si può dividere in due: nei primi cinque minuti Mapp Tools domina il campo, difendendo forte e portandosi avanti 8-0, un distacco che rimane tale fino a 3′ dalla fine del quarto: 12-4. Il risveglio di Albino avviene con l’ingresso in campo di Locatelli, che suona la carica e sveglia le compagne dal torpore iniziale. Si va al primo mini intervallo sul punteggio di 14-16 per la squadra ospite, complice anche la buona mira dall’arco di Baiardo e Grudzien. 

Preziosa Grassia, Diotti step back! 

Nel secondo quarto sale in cattedra Canova: due triple riportano in parità il punteggio: 20-20. Si iscrive alla partita anche Grassia, segna due canestri consecutivi su azione, poi libera Diotti sotto canestro con un assist al bacio: è +7 per Mapp Tools. Nel finale di tempo, Albino tenta una timida reazione che si traduce in un 2-5 di parziale grazie a due liberi di Mandelli e a un gioco da tre punti (canestro più fallo) di Peracchi intervallati da uno step back sempre di Diotti: si va a riposo sul 31-27 per Carugate.


Francesca Diotti

Che coppia Canova-Tomasovic

Nella ripresa si sveglia Tomasovic, che finirà con 17 punti e 8 rimbalzi: quattro a referto consecutivi e le padrone di casa allungano a +8. Il divario si allarga con cinque punti consecutivi di Canova, per il massimo vantaggio di undici punti che diventano tredici con un piazzato di Schieppati, suo marchio di fabbrica, e poi 14 con un libero di Canova (parziale 10-2). Ma Albino è ancora viva: contro break 0-7 dove c’è tanta Greta Laube (classe 2001, 10 rimbalzi ed è alta 1.73) e il terzo quarto finisce 49-42.

Il sigillo del capitano

La chiave del quarto quarto, dopo 4′ in cui nessuna delle squadre riesce a prendere il sopravvento, è la bomba di Giulia Colombo. Il capitano firma il +10 e mette in ginocchio definitivamente Albino, che sente venir meno le energie psicofisiche. Canova-Tomasovic firmano un nuovo parziale 8-0, Schieppati mette il sigillo definitivo con il canestro del +20, poi limato da Grudzien con una tripla nel finale, momento in cui trovano minuti anche le giovani Usuelli e Possali, entrambe premiate per il loro lavoro essenziale durante gli allenamenti ogni settimana. Finisce 70-53, Carugate agguanta a sei punti Udine e Sarcedo al sesto posto in classifica mentre Albino rimane ferma a quota 4. Prossimo impegno per Mapp Tools ad Alpo, sabato prossimo. “Non avremo ancora Maffenini a disposizione, speriamo di recuperarla tra due settimane per Bolzano. Alpo ha giocatrici di qualità, dovremo prepararci al meglio” ha concluso coach Cesari.

Mapptools Blackiron Carugate – Fassi Edelweiss Albino 70-53

Diotti 10, Gambarini 2, Canova 24, Schieppati 10, Tomasovic 17; Grassia 4, Colombo 3, Fossati, Usuelli, Possali. Ne Pontillo, Maffenini. All. Cesari.


Coach Cesari (il secondo da destra) e il suo staff)