Carosello risorge: il derby con Varese è suo

Il 2019 inizia con una vittoria per Carosello Carugate. E anche l’avventura di Luigi Cesari inizia nel migliore dei modi. 55-49 il punteggio finale contro la pallacanestro Varese, capace di mettere paura alle padroni di casa nel primo tempo con 6-12 dall’arco e un massimo vantaggio di 12 punti a metà del secondo quarto: “Avevamo preparato la partita con una difesa a uomo -spiega l’allenatore italo americano-. Poi però sotto di dieci siamo andati negli spogliatoi e dopo aver parlato con il mio vice Riccardo Lanza abbiamo scelto di metterci a zona, confidando nel fatto che non avrebbero potuto mantenere una percentuale simile anche nel secondo tempo». Scelta azzeccata, la due-tre di Maffenini e compagne si è trasformata in un muro invalicabile per la squadra ospite, a secco per tutta la durata del terzo quarto a eccezione del tiro in sospensione di Premazzi a meno di un minuto dalla fine. Carosello ne approfitta con un parziale 13-0 suggellato dalla tripla di Diotti per il sorpasso, 40-39, e poi consolidato dal jumper di Gambarini nel finale di periodo. Da qui,  Varese non riesce più a riportarsi avanti dopo aver sostanzialmente controllato i primi venti minuti. In realtà nel quarto quarto sempre Premazzi riporta la parità con 1-2 ai liberi. Ma è qui che sale in cattedra Giulia Maffenini: sua la tripla del nuovo +3 a cui seguono un canestro di Albano, primo tempo difficile ma ripresa eccellente, con 4 recuperi e 0 palle perse, e uno di Colombo, a cui coach Cesari decide di affidarsi dopo il quarto fallo di Molnar a 8’ dalla fine, croata comunque autrice di una gara da doppia doppia, 11+11. Nel finale, un canestro di Polato riporta Varese a -6, ma è ancora Maffenini a cacciare via streghe e fantasmi, con un rimbalzo offensivo tramutato in due punti, prima che Gambarini, ancora lei, metta definitivamente in ghiaccio la gara con 2-2 ai liberi. 

“Primo tempo molto male, devo ammetterlo -chiude Cesari-. Merito alle ragazze che hanno reagito, sotto di dieci punti in casa non è mai facile. Dovremo lavorare molto in attacco, dove siamo ancora un po’ farraginosi, ma siamo felicissimi”. 

La miglior marcatrice è Giulia Maffenini, 17 punti e buone percentuali al tiro: 7-14 con 2-4 dall’arco. Doppia cifra anche per Gambarini e Molnar, dominatrice a rimbalzo con Albano, rispettivamente 11 e 10 a referto sotto i tabelloni. In classifica Carosello sale a quota 10 assieme a Sanga, ma sono ancora 6 le lunghezze dall’ultimo posto disponibile per il playoff. Varese resta ferma a 4 punti assieme a Bolzano, prossimo impegno per Maffenini e compagne. 

Tabellino: Diotti 3, Gambarini 11, Maffenini 17, Albano 8, Molnar 11; Colombo 5, Fossati. Ne: Tenderini, Usuelli, Zucchetti, Possali, Conti. All. Cesari.

Leave a Reply