Basket Carugate aspetta l’ultimo quarto, poi scappa: Mantova ko

Seconda vittoria consecutiva in casa per Basket Carugate, che ribalta anche il vantaggio negli scontri diretti contro Mantova. I punti in classifica ora son 8, a meno 2 da Albino

Difesa. Maturità. Cinismo. La cosa giusta fatta soprattutto al momento giusto. E una reazione di squadra, la migliore possibile, per sopperire forse all’assenza più importante. Così Blackiron Rentpoint.it Basket Carugate porta a casa la vittoria contro Basket 2000 San Giorgio Mantovagricoltura con il punteggio di 67-55. Un +12 in grado di ribaltare il ko dell’andata, maturato in casa delle avversarie. Che, in classifica, al momento sembrano ancora lontane, con 16 punti e al 9° posto. Ma per Llorente e compagne si tratta anche della 4^ sconfitta consecutiva. Mentre per Carugate iniziano a intravedersi anche piccoli traguardi, come la 2^ vittoria di fila in casa, la 2^ nelle ultime 3 gare di campionato. Un risultato che permette alle ragazze allenate da coach Gigi Cesari e Matteo Catalfamo di staccare di 4 punti San Martino, ultima in classifica, ma anche di avvicinarsi ad Albino, ora lontana solo 2 punti al terzultimo posto dopo il ko in casa contro Crema. 

Doppia doppia di Colognesi (e 28 di valutazione), 14+6+8 per super Diotti 

Vittoria doppia insomma, se non tripla. Che porta la firma di tutte le giocatrici. Dal super capitano, Francesca Diotti, 14 punti miglior marcatrice per Basket Carugate, ma anche 6 rimbalzi, 8 assist, 2 recuperi e una quasi perfetta gestione di ogni possesso nell’ultimo quarto, quello decisivo, nonostante i tanti minuti sulle gambe, a Silvia Colognesi, 10 punti, 14 rimbalzi e 28 di valutazione complessiva. Da Sara Canova, 13 punti e un rinnovato feeling con il tiro dall’arco (2-5) a Chiara Discacciati, 15-24 da 3 punti nelle ultime 5 partite. Per continuare con Laura Meroni, +18 di plus minus in 30 minuti in campo, e con una Greta Miccoli in grado di tenere a galla la squadra e di prenderla per mano nel 2° quarto, il più complicato per Blackiron Rentpoint. Infine Valentina Grassia, efficace e solida in difesa, e Sara Usuelli, che non si sa come riesce a catturare ben 2 rimbalzi nei 5 minuti, pochi, vero, ma di grandissima qualità, schierata in campo. Così, le ragazze sono riuscite a compensare l’assenza dell’infortunata Milica Micovic, 15 punti di media, causa stiramento e indisponibile: “La verità è che ci stiamo allenando molto bene – spiega Diotti nel dopo gara -. L’assenza di Milica poteva essere pesante ma abbiamo reagito bene, giocando di squadra, aiutandoci le une con le altre per sopperire alla sua assenza. Questa vittoria è anche per lei”.

Gli altri commenti del post partita, Cesari: “Difesa, difesa difesa!”

“Difesa, difesa, difesa – è il commento di coach Cesari -. Avevo chiesto un massimo di 56 punti subiti, ne abbiamo presi 55 e la squadra ha portato a casa una partita difficile. Una vittoria importante che ci permette di preparare il match contro Ponzano con più serenità, sperando di recuperare Micovic”. Gli fa eco Matteo Catalfamo: “Contava vincere, senza Milica. Le ragazze hanno trovato la giusta motivazione. Abbiamo iniziato piano ma poi abbiamo trovato i ritmi giusti. E’ importante aver vinto, e averlo fatto bene”. Cancellato, inoltre, almeno nella memoria, il crollo contro Alpo sette giorni prima negli ultimi cinque minuti: “Nel finale di gara contro le venete purtroppo ci siamo lasciati andare – aggiunge Andrea Brambilla, secondo assistente -. Stavolta il finale è stato tutto nostro, ed è un gra bel segnale”.

Decisivo l’ultimo quarto 

E infatti è proprio il quarto quarto, come detto, il periodo decisivo. Sì perché la partita è molto equilibrata nei primi 30′. 48-45 è il punteggio con cui si arriva agli ultimi 10′ di gioco, il cui parziale decisivo è 19-10 per Blackiron Rentpoint.it. Sempre delle padrone di casa è il primo tentativo di fug. Fine 1° quarto: sul 10-12 dopo 5′, break 7-0 per il 17-12 di parziale, poi corretto a 17-14 con 2 tiri liberi per Mantova. La squadra ospite però soffre la difesa avversaria e rimane all’asciutto su azione per oltre 7′ tra fine 1° quarto e inizio del 2°.

Greta Miccoli, il suo 2° quarto è perfetto

E’ Pizzolato a rompere così il digiuno per Mantova, un canestro, il suo, che dà anche il via alla rimonta di San Giorgio, che si traduce in un controbreak 0-7, abbastanza per il 22-26 a 150” dall’intervallo. Basket Carugate deve però ringraziare Greta Miccoli, che gioca un 2° quarto perfetto: suoi i primi 7 punti per la sua squadra, dopodiché Diotti prima e Colognesi poi completano la ricucitura dello strappo con tanto di sorpasso, per il 30-27 poi corretto a 30-29 da Bernardoni a pochi secondi dalla fine del 1° tempo.

Terzo quarto, Canova mette il turbo

La ripresa si apre con una fucilata di Sara Canova dall’arco. Alice Marchi risponde per le rime e si apre così quasi una sfida personale: Canova va di nuovo a segno con canestro più fallo, poi ancora Marchi dall’altra parte. Mantova prova ad alzare l’intensità in difesa e inizia a servire con maggiore continuità Florencia Llorente, un fattore sotto canestro, chiuderà con una tripla doppia “sporca” con 19 punti e 22 rimbalzi e 10 falli subiti (ma troppi errori ai liberi: 5-15). Basket Carugate però risponde colpo su colpo, presa per mano da Canova: ne segna 8 dei suoi 13 complessivi solo nel 3° quarto, che si conclude, come detto, 48-45 per le padrone di casa.

Ultimo quarto: sale in cattedra Discacciati. Poi Meroni mette il sigillo

Gli ultimi dieci minuti segnano il solco decisivo da parte di Blackiron Rentpoint.it Basket Carugate. La firma dell’allungo è quello di Chiara Discacciati. Dopo un inizio non facile, l’ala brianzola segna due triple consecutive, per il 56-47. Si arriva così agli ultimi 200 secondi con un canestro di Llorente dalla media per il 58-52 per Carugate. Ancora Discacciati dall’arco, con l’aiuto del tabellone, a cui risponde pan per focaccia Pastore dall’altra parte per il 61-55 della speranza per Mantova: 6 punti da recuperare a 2’27 non sono neanche tanti. Laura Meroni segna però l’importantissimo 63-55 e chiude definitivamente i giochi con il 2-2 dalla lunetta che sigilla il punteggio sul 67-55 finale.

Tabellino:

Diotti 14, Canova 12, Meroni 8, Grassia 4, Colognesi 10; Miccoli 9, Usuelli, Discacciati 9. Ne: Micovic, Carmeli, Osmetti, Bernareggi. All. Cesari-Catalfamo

Leave a Reply